Gen 28

Lo sapevi che…

Vuoi imparare… ad imparare qualcosa ogni giorno?

lo sapevi che... impara qualcosa ogni giorno

Seguendo la filosofia dell’ impara e condividi, ti do una mano ad imparare qualcosa ogni giorno con questa categoria-rubrica del lo sapevi che…

buona lettura.

ps: le date ci sono perché vengono comode a me per seguire io stesso questa abitudine, possono essere utili a te per spulciare (e magari memorizzare) una cosa ogni giorno, se trovi qualcosa di interessante.

pps: alcune curiosità possono essere leggende: in quel caso, vengono di norma esposte alla prova del dubbio. Del resto, anche e soprattutto questa è una cosa da imparare.

ppps: “ogni giorno” è un poco esagerato: ogni tanto servono dei giorni ignoranti : )

26 gennaio 2015

Lo sapevi che…

(origine dei nomi)

L’origine del termine “Golf”

Secondo un singolare mito, il termine viene dall’acronimo – un poco sessista – di “gentlemen only, ladies forbidden” (Solo uomini, proibito alle donne).

NON è vero, ma probabilmente il termine deriva semplicemente da “golve,” “gowl” o “gouf”, che in scozzese stava per club (mazza).

In compenso, la storia del golf (e forse non solo la storia) non è famosa per la presenza femminile, anzi, in passato, alcuni circoli vietavano davvero la presenza di donne al gioco.

Probabilmente, quindi, il maschilismo dello sport ha dato il via al mito sopra citato.

27 gennaio 2015

L’origine del termine FUCK (F.U.C.K) …. x D

Leggenda vuole che nell’Inghilterra arcaica per fare l’amore si dovesse avere il consenso del Re; quando Sua Maestà lo permetteva, l’allegra coppia poteva mettere fuori dalla porta una piccola placca con l’incisione “Fornication Under Consent of the King”.

In questo caso ovviamente la prova del dubbio quasi non ci vuole, ma per una risata va bene.

Sempre sull’origine del termine, c’è chi lo attribuisce ad un certo John le Fucker… un assassino inglese del tredicesimo secolo. In questo caso è interessante il contrasto tra vari linguisti, c’è chi sostiene che potrebbe essere derivato da questo tizio, chi sostiene semplicemente che potesse essere un soprannome per certe… qualità dell’uomo, o una derivazione dal cognome Fulcher, o dal meno offensivo termine Fidget (agitarsi).

In realtà, è più probabile che arrivi da una commistione di dialetti europei: in olandese, norvegese e svedese termini simili significano poi copulare, spingere, fornicare e suonano rispettivamente come fokken, fukka, focka. In ogni caso, è un termine già attivo dal quindicesimo secolo.

5 – 02 – 15

Carnevale

L’etimologia del del termine dipende  dalll’avvento del Cristianesimo, il quale “purificò” gli aspetti più “peccaminosi” delle antiche cerimonie allegoriche, riconnettendoli al periodo di  Quaresima. La parola Carnevale deriva dal latino “carnem levare”, ossia “togliere la carne”. Secondo la dottrina cristiana, il  “Tempo di Carnevale” costituisce infatti una preparazione alla Quaresima, che impone l’astinenza dalle carni.

Lo sapevi che…

(storia e arte)

28 gennaio 2015

Le Statue equestri e simbologia

Secondo Una credenza comune in America, sostiene che nelle statue che rappresentano una persona a cavallo (statue equestri), c’è un codice “nascosto”: se il caro equino ha entrambe le zampe anteriori sollevate da terra, il cavaliere è morto direttamente in guerra; se ha una sola zampa anteriore sollevata, allora la persona è deceduta in seguito ad una ferita di guerra. Se, invece, ha tutte le zampe piantate sul terreno, allora il cavaliere ritratto è morto di cause naturali.

A proposito di curiosità: sono andato a sbirciare.

Il “codice” sembra vero per Giuseppe Garibaldi, che solitamente sta su di un cavallo con le zampe a terra.

statua equeste giuseppe garibaldi

Direi che è dubbio per Alessandro Magno che è morto probabilmente di pancreatite, ma il dubbio storico che fosse stato avvelenato non è poi così confutato.

statua equestre alessandro magno

Ed è, invece, falso nel caso di Andrew Jackson, morto nella sua tenuta, ma rappresentato con un destriero a due zampe alzate

statua equestre andrew Jackson

Voi, avete trovato altri riscontri? : )

1 febbraio 2015

Ludovico il Moro

Sarebbe poi Ludovico Sforza. Si chiama così perché introdusse (intorno alla seconda metà del 1400), ma in pratica costrinse i contadini delle campagne lombarde, e soprattutto nel comasco, a coltivare il gelso del tipo “bombix mori” o “morus nigra”, in dialetto comasco “murun”, utile per la coltivazione dei bachi da seta.

(Politica e Legge) Lo sapevi che

29 gennaio 2015

L’elezione del Presidente della Repubblica

avviene tramite l’assemblea elettrice composta dai 630 deputati della camera, 315 senatori del senato, 6 senatori a vita (attualmente) e 59 rappresentanti regionali, per un totale di 1009 gradi elettori, per elezione segreta tramite scheda.

Per i primi tre scrutini la soglia necessaria richiesta è di 673 voti, ossia il due terzi dell’assemblea elettiva. Dal quarto scrutinio, invece, basta la maggioranza assoluta, quindi 505 voti utili.

30 gennaio 2015

I poteri del presidente della Repubblica,

(in sti giorni è d’obbligo, su) sono stabiliti dall’ articolo 87 e 88 della Costituzione Italiana. Sono sostanzialmente legati al potere legislativo (Rapporti con il Parlamento), esecutivo (rapporti con il governo) e giudiziario (rapporti con il CSM e la corte costituzionale)

È il capo dello stato e rappresenta l’unità della nazione e, può : inviare messaggi al medesimo, indirre nuove elezioni delle camere, autorizzare la presentazione delle camere dei disegni di legge del governo; promulgare le leggi ed emanare i decreti, può indurre nei casi previsti il referendum popolare, nomina i funzionari dello Stato.

Può sciogliere le camere, sentiti i presidenti del Senato e della Camera, ma NON negli ultimi 6 mesi del suo mandato.

Riceve i rappresentanti diplomatici, rattifica i trattati internazionali.

Ha il comando delle forze armate, presiede il Consiglio supremo di difesa, dichiara lo stato di guerra deliberato dalle camere.

Presiede il CSM, puà concedere la grazia e commutare le pene. Può conferire onoreficenze della Repubblica.

Interessante notare anche che il capo dello Stato NON è responsabile degli atti compiuti nell’esercizio delle sue funzioni, eccetuato l’alto tradimento e l’  attentato alla Costituzione. In quel caso, viene messo in accusa dal Parlamento in seduta comune.

31 gennaio 2015

L’elezione più difficile e complicata del Presidente della reppublica

Fu quella di Giovanni Leone (eletto nel 1971), che durò per quasi 25 giorni e 23 scrutini.

Quella più “semplice” e con più ampi consensi fu quella di S. Pertini (eletto nel 78): raggiunse infatti  l’83,6% dei consensi (832 voti su 995).

 

 

Lascia un commento

Your email address will not be published.